Home Regolamento Campionato Italiano Mediofondo F.C.I.

Regolamento Campionato Italiano Mediofondo F.C.I.

Campioni d’Italia Individuale Medio Fondo (12 Titoli: Elite Sport, Master1, Master 2, Master 3, Master 4, Master 5, Master 6, Master 7, Master 8, EliteWomen Sport,MWoman 1, MWoman 2)

1.3.      ATTIVITA’ DI FONDO

1.3.1    CLASSIFICAZIONE

Le attività di fondo previste per il livello ciclo amatoriale, così come stabilito dal vigente R.T./aAttività cicloturistico-sportiva, sono le seguenti:

  1. Medio fondo – percorsi da 81 a 120 Km

Le distanze indicate potranno avere una tolleranza positiva o negativa del 10%.

1.3.10.            CAMPIONATO ITALIANO DI MEDIO FONDO AMATORIALE INDIVIDUALE:

a) Campionato italiano di Medio Fondo.

Per i Campionati italiani di Medio Fondo, le categorie considerate sono le seguenti:

b) Maschili: Elite Sport (19/29 anni) – Master/1 (30/34 anni) – Master/2 (35/39 anni) – Master/3 (40/44 anni) – Master/4 (45/49 anni) – Master/5 (50/54 anni) – Master/6 (55/59 anni); per le categorie Master/7 (60/64 anni) e Master/8 (65 anni e oltre) è previsto solo il Medio Fondo.

c) Femminili: Elite W.Sport (19/29 anni) – Master W1 (3O/39) – Master W2 (40 e oltre).

1.3.10.1. ARTICOLAZIONE

I Campionati italiani di Medio Fondo si articolano in prova unica

1.3.12. PREMIAZIONI

1.3.12.1. SINGOLA MANIFESTAZIONE

Le società organizzatrici di manifestazioni ciclosportivo/amatoriali devono assicurare le seguenti premiazioni minime per le società meglio classificate e più numerose:

Manifestazioni Internazionali o Nazionali:  5 premi di rappresentanza

 Inoltre dovranno essere assegnati premi almeno ai concorrenti classificati ai primi tre posti per categoria

Nelle manifestazioni a carattere nazionale o internazionale, e obbligatoria la predisposizione di

almeno due ristori nelle prove di medio fondo il cui costo è compreso nella tassa d’iscrizione.

Le premiazioni relative alle manifestazioni dovranno essere effettuate su un apposite palco e/o

in un locale appositamente predisposto.

1.3.12.2. PREMIAZIONE ANNUALE

Saranno assegnati premi di rappresentanza ai primi tre classificati di categoria dei Campionati Italiani di Medio Fondo.

1.3.13. ASSISTENZA MECCANICA

E’ severamente vietata |’assistenza meccanica da parte di mezzi privati e fra concorrenti.

In caso di necessità, i partecipanti dovranno ricorrere a quella eventualmente fornita dall‘ organizzazione o provvedere autonomamente alle riparazioni. Non é ammessa

autorizzazione alcuna per l’assistenza a singoli concorrenti. Gli interventi sulla bicicletta di tutti i tipi devono essere eseguiti autonomamente dal partecipante in gara che dovrà aver cura di portare un kit per le riparazioni.

Non sono ammesse in nessun caso auto o motociclette al seguito dei partecipanti, da parte di società e privati.

L’organizzazione della manifestazione é tenuta a verificare, con l’ausilio dei Giudici di gara, il pieno rispetto di questa norma e sarà considerata responsabile di ogni eventuale infrazione.

Ogni partecipante che avrà usufruito di assistenza sarà squalificato.

1.3.14. ONERI ORGANIZZATIVI

Ciascuna società organizzatrice di manifestazioni ciclosportivo/amatoriali iscritte nel calendario

nazionale e/o internazionale, ed in particolare per le prove di Campionato italiano, dovrà

garantire quanto di seguito stabilito, oltre al rispetto dei vigenti Regolamenti, delle relative

Norme di attuazione e di ogni altra disposizione in materia.

1.3.14.1. DISPONIBILITA LOGISTICA

La Società organizzatrice si impegna a facilitare la sistemazione logistica in modo adeguato per le Società partecipanti.

1.3.14.2. PERCORSI

Gli organizzatori dovranno fornire ampia garanzia di sicurezza, con particolare riferimento al traffico veicolare, che dovrà essere disciplinato come disposto dall’ordinanza di autorizzazione allo svolgimento della manifestazione. Resta obbligo dei partecipanti del rispetto dei codice della strada. Inoltre, dovranno essere convenientemente utilizzati: transenne, personale di servizio, idonea staffetta motociclistica, assistenza sanitaria (con presenza obbligatoria del medico nelle prove di livello ciclosportivo/amatoriale e di campionato), vetture al seguito, servizio radio, ecc.

1.3.14.3. STANDARD ORGANIZZATIVI MINIMI

Dovranno essere rispettati, per ciascun percorso, i seguenti livelli minimi organizzativi:

PRESENZA DI:

a) personale dell’organizzazione, in numero adeguato, preposto al presidio degli incroci e dei punti più pericolosi dei percorso, in accordo ed al sostegno delle forze dell‘ordine; il personale dovrà essere abilitato secondo quanto previsto dal nuovo Codice della Strada e secondo le disposizioni che saranno indicate in un Comunicato dei S.A.N. prima deil‘inizio dell’attività. La FCI predispone ogni anno Corsi di Abilitazione per il personale dell’organizzazione addetto alle segnalazioni negli incroci. e bivi nonché nei punti critici del percorso.

b) autovetture e moto per la Giuria in numero adeguato alla designazione, collegate via radio;

c) |’assistenza sanitaria di cui ai Titolo 1 –  Norme Generali dovrà essere opportunamente integrata in relazione al numero previsto di partecipanti e di percorsi programmati.

d) un automezzo attrezzato per l’assistenza meccanica ogni 1.000 partecipanti

e) due coppie di moto staffette abilitate, equipaggiate secondo le vigenti disposizioni del Codice della Strada, ogni 500 partecipanti, con un minimo di quattro coppie;

f) un’auto apri corsa che precederà la testa della corsa di alcuni minuti annunciando l‘imminenza dell’arrivo dei ciclisti, dando il segnale d’inizio del presidio degli incroci;

g) due auto equipaggiate secondo le vigenti disposizioni del Codice della Strada, con cartelli recanti, rispettivamente, la scritta “inizio corsa ciclistica”, che dovrà precedere la testa della manifestazione, e la scritta “fine corsa ciclistica”, che invece procederà ad una distanza dalla testa della corsa pari al tempo concesso dalle competenti Autorità per la sospensione del traffico per la specifica autorizzazione della manifestazione, e comunque come da disposizioni del Direttore di Corsa

h) eventuale auto con cartello recante la scritta “fine manifestazione“ che dovrà precedere a ridosso dell’ultimo partecipante, che comunque procede fuori corsa nel rispetto del codice della strada sotto la propria responsabilità, entro il tempo limite previsto dalla tabella di marcia e che indicherà la fine dei punti assistenza e di rifornimento o ristoro per ciascuno dei percorsi previsti;

i) due vetture per la direzione della corsa, una per il Direttore di corsa e l’altra per il Vice Direttore di corsa o un collaboratore tesserato della società organizzativa.

I) un numero adeguato di automezzi (pull-man, furgoni, ecc.) adibiti ai trasporto dei partecipanti ritirati e delle loro biciclette o altro materiale;

m) un automezzo adibito alla raccolta di tutto il materiale organizzativo (frecciatura, cartelli, paline, ecc.), ai termine dei passaggio dei concorrenti.

n) tutti gli automezzi e moto di servizio dovranno essere collegate via radio o altro mezzo di comunicazione, tra di loro e con la base (partenza e/o arrivo).

ALLESTIMENTO PUNTO DI:

a) assistenza meccanica fissa ogni 50 km.;

b) rifornimento/ristoro solido e/o liquido mediamente ogni 50 km ed uno all’arrivo;

c) raccolta dei rifiuti nei pressi di ciascuna zona di rifornimento/ristoro. Inoltre, gli organizzatori avranno cura di allertare i Pronto Soccorso degli ospedali interessati

per territorio e di integrare, in base alle disponibilità, il servizio di assistenza sanitaria al seguito.

INSTALLAZIONE DI:

a) efficace frecciatura e cartellonistica con indicazione dei luoghi di ritrovo/partenza, e per il tracciato di gara ad evitare errori di percorso e richiamare l‘attenzione degli utenti nei confronti della manifestazione ciclistica e quella dei partecipanti per eventuali discese pericolose, strettoie, strade sconnesse, ecc.;

b) idonea attrezzatura nei locali adibiti a segreteria, sala giuria e sala stampa allo scopo di garantire un servizio efficiente;

c) un sistema computerizzato per le iscrizioni, le classifiche ed il rilascio (consigliato) del diploma di partecipazione.

DISPONIBILITA DI :

a) locali idonei, per maschi e femmine, da adibire a spogliatoio, servizi docce ed igienici, ecc.;

b) locali idonei, per maschi e femmine, da adibire a sede dei controllo medico;

c) apposito spazio per il party finale.

Al passaggio della vettura di “fine gara ciclistica”, le strade saranno completamente riaperte al traffico veicolare; pertanto, i ciclisti che vengono a trovarsi fuori dal “fronte gara” pedalano su strade aperte al traffico; obbligatoriamente dovranno rispettare il codice della strada.

Comunque e sempre, compete il rispetto di tali norme.

DISPONIBILITA DI:

a) Per la Giuria ed i rappresentanti F.C.I. :

– almeno due persone con compiti di segreteria e di addetto alla Giuria;

– due idonei locali, in prossimità della zona di partenza ed arrivo, di cui uno attrezzato con computer per l’elaborazione delle classifiche e fotocopiatrice, ecc.;

– il giorno della manifestazione un numero adeguato di vetture, con autista, tra loro collegate via radio; il collegamento dovrà essere esteso ad una postazione centrale presso l’arrivo;

b) Per i partecipanti :

– bacheca nella zona di partenza e d’arrivo per l’esposizione dell’elenco dei premi in palio, dei comunicati della Giuria e de||’organizzazione e delle classifiche;

– frecciatura dei percorso entro l’antivigilia della manifestazione, ai fine di consentire eventuali ricognizioni.

INSTALLAZIONE DI:

– un impianto di amplificazione microfonica nelle zone di partenza e di arrivo;

– postazione per lo speaker, i giudici di gara e le autorità;

– nelle prove di fondo nelle quali sia previsto il rilevamento dei tempi di percorrenza, in corrispondenza della linea d’arrivo dovrà essere posizionato un palchetto per il Giudice d’arrivo;

-inoltre, pavesatura e addobbi delle zone di partenza e di arrivo.

1.3.15. DIREZIONE CORSA

La “direzione della corsa” deve essere affidata rispettivamente:

– ad un Direttore di Corsa Nazionale, coadiuvato da almeno un vice (Direttore di Corsa) per il percorso della manifestazione di Medio Fondo.

1.3.16. CONTROLLO MEDICO

La Società Organizzatrice e tenuta a predisporre sempre il locale per il Controllo Antidoping. Tale locale deve tassativamente possedere tutti i requisiti e tutte le dotazioni riportati sul sito federale alla sezione “Antidoping/Requisiti della Sala per i Controlli Antidoping”. Saranno oggetto di segnalazione alla Procura federale carenze o inadeguatezze gravi dei locali, degli spazi, delle dotazioni od arredi o delle localizzazioni, tali da rendere difficoltosa, non sufficientemente rispettosa della privacy, igienicamente insufficiente o complessivamente impossibile l’effettuazione del controllo.

1.3.17. TASSE DI ISCRIZIONE

La quota individuale di partecipazione alle manifestazioni del calendario nazionale/internazionale, comprensiva della tassa d‘iscrizione, viene fissata discrezionalmente

dagli organizzatori sulla base delle provvidenze fornite. Tale criterio é applicabile nella manifestazione di medio fondo.

Le tasse d’iscrizione comprendono i costi dei servizi di assistenza sanitaria, meccanica, scopa, ecc. oltre all’assegnazione di un oggetto ricordo e di due ristori nelle prove di medio fondo.

Le società organizzatrici devono indicare I’importo nel programma della gara, specificando in dettaglio per quanto possibile tutti i servizi offerti, i premi previsti ed il contenuto del pacco gara.

I CC.RR. con decisione del Consiglio Direttivo, ratificata dal C.F., possono richiedere un contributo sulla quota d’iscrizione della manifestazione di Fondo che si svolge sul proprio territorio.

1 3 18 3 TRASMISSIONE RISULTATI

Oltre agli altri obblighi, le società organizzatrici dovranno assumersi l’incarico di far pervenire tempestivamente alla Struttura Amatoriale Nazionale le classifiche delle prove valide per i diversi Campionati italiani o iniziative nazionali.